26 ottobre 2015

ROMA FILM FEST- I Film che Abbiamo Visto (Parte II)


Di Simone Fabriziani

Terminata l'esperienza romana della Festa  del Cinema di Roma 2015, è tempo di bilanci.
Certo, non stiamo parlando di una kermesse di importanza superiore o pari a quella di capisaldi festivalieri come Cannes o Venezia, eppure la Selezione Ufficiale cosi come molte retrospettive collaterali ci hanno permesso di recuperare molti titoli in zona Oscar, tra conferme, sorprese e delusioni (QUI per la Parte I dei film che abbiamo visto durante la kermesse romana).
Oggi è la volta della seconda ed ultima parte dedicata ai film che abbiamo visto al Roma Film Fest: 
In ordine puramente cronologico di visione:

Carol ( di Todd Haynes )

Già recensito ampiamente nella settimana scorsa e con grandi parole spese per l'ennesima lezione di cinema de cineasta "indie" Todd Haynes mascherata da, meravigliosa, storia d'amore oltre ogni limite sociale e morale sullo sfondo di una New York Anni 50 mozzafiato. Qui la Recensione completa.


Grandma (di Paul Weitz)

La piccola sorpresa indie del Festival romano; una delicata ed irriverente commedia "on the road" tra una ragazza incinta per sbaglio e la cinica e sboccata nonna lesbica (una spumeggiante Lily Tomlin) alla ricerca dei soldi necessari per coprire il costo dell'operazione di aborto. Un modo per parlare di omosessualità, famiglia, aborto e pregiudizio con il sorriso sempre stampato sul volto dello spettatore. Una rarità di questi tempi.
Voto: 3/5
Possibilità Oscar: Miglior Attrice Protagonista (Lily Tomlin)



Legend (di Brian Helgeland)

Un solido gangster movie ispirato alle gesta spericolate dei gemelli Reginald e Ronald Kray che negli Anni 70 hanno dominato la malavita di Londra. Scritto e diretto dallo sceneggiatore Premio Oscar Brian Helgeland ("L.A.Confidential", "Mystic River"), il film gioca spesso con ironia e dramma con i canoni del cinema malavitoso prendendosi spesso volontariamente poco sul serio e quasi spesso sopra le righe; complice un gigioneggiante Tom Hardy nel doppio ruolo dei due fratelli gemelli, diametralmente opposti per carattere e temperamento. Sarà nelle sale italiane nel 2016.
Voto: 3/5
Possibilità Oscar: Miglior Attore Protagonista (Tom Hardy)


Il Piccolo Principe (di Mark Osborne)

Forse la grande delusione di questo Festival, almeno per chi vi scrive. Nonostante sia stato presentato A Cannes 2015 con ottime recensioni, il film diretto da Osborne ("Kung Fu Panda") si cimenta con risultati mediocri nel raccontare una vicenda solamente ispirata all'immortale romanza di Antoine de Saint-Exupery, mescolando in maniera tuttavia affascinante animazione in stop-motion e animazione tridimensionale; ma il gioco non rende giustizia alla storia originale, qui utilizzata quasi come abbellimento narrativo per una sequela di avvenimenti che nulla hanno a che spartire con i personaggi che tutti abbiamo imparato ad amare. In uscita da noi il 1 Gennaio 2016.
Voto: 2/5
Possibilità Oscar: Miglior Film d'Animazione





Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...