20 luglio 2017

Predizioni Oscar 2018: Miglior sceneggiatura non originale

Di Gabriele La Spina

Una delle diverse categorie dove il magnifico Moonlight di Barry Jenkins ha trionfato lo scorso anno, rappresenta probabilmente uno degli spazi più insidiosi degli Oscar. Poiché non sempre è facile capire quale pellicola potrebbe fare capolino in questa categoria. Non solo film adattati da romanzi e piéce teatrali, ma spesse volte anche lavori di lontana ispirazione possono essere riconosciuti dall'Academy come adattamenti.

Primo titolo da citare per la categoria è senza dubbio quello di Chiamami con il tuo nome, pellicola che ha riscosso un enorme successo al Sundance Film Festival, e che sarà senza dubbio uno dei titoli di punta della prossima stagione. Diretto dal nostrano Luca Guadagnino, ma adattato dall'americano James Ivory, direttamente dal romanzo omonimo di André Aciman. Potrebbe tornare nella categoria, nonostante un rilascio nelle sale sfavorevole, Sofia Coppola, Oscar come miglior sceneggiatrice per Lost in Translation nel 2004, qui con un elegante southern gothic freudiano L'inganno
Tre anni dopo il meraviglioso Boyhood, Richard Linklater potrebbe seriamente essere uno dei contendenti per la statuetta con Last Flag Flying, anche se dovrà vedersela con altri forti contendenti, possibili infatti le presenze di Brian Selznick che ha adattato il suo stesso romanzo per Wonderstruck di Todd Haynes, e di Mudbound, adattamento per mano della regista Dee Rees dal romanzo di Hillary Jordan.

Alternative valide di questa categoria potrebbero essere le pellicole di Aaron Sorkin, maestro della sceneggiatura, qui alla prese con l'adattamento delle memorie di Molly Bloom, l'adattamento della graphic novel The Death of Stalin ad opera di Armando Iannucci, e il dramma di Andrew Haigh, Lean on Pete, dal romanzo di Willy Vlautin. Sorprese non del tutte inaspettate potrebbero inoltre essere le presenza di Blade Runner 2049, adattato da Hampton Fancher e Michael Green dal romanzo di Philip K. Dick, e You Were Never Really Here adattamento di Lynne Ramsay dal romanzo di Jonathan Ames, vincitrice allo scorso Festival di Cannes del premio alla miglior sceneggiatura.

Predizioni:
Call Me By Your Name
The Beguiled
Last Flag Flying
Mudbound
Wonderstruck

Alternative:
The Death of Stalin
Lean on Pete
Blade Runner 2049
Molly's Game
You Were Never Really Here
The 15:17 to Paris
The Glass Castle

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...