24 aprile 2018

Westworld 2x01 "Journey Into Night" - La recensione

Di Gabriele La Spina

Torna dopo due lunghi anni di attesa, una delle serie più sorprendenti di HBO, promettendo di rimpiazzare la perdita de Il trono di spade nel cuore dei telespettatori, ormai giunta alla sua fine. Un inizio di stagione spiazzante per diverse motivazioni, che rappresenta una svolta per Westworld, una serie che non si adagia mai negli allori, e disegna una nuova via partendo da una rivoluzione.

L'episodio si svolge il giorno dopo della festa di Ford, che ha sancito nel più cruento e sorprendente dei modi il finale della prima stagione, adesso i padroni di casa, ovvero i robot, cacciano gli umani rimasti mentre cercano un nuovo scopo nella loro vita, ormai consapevoli della loro esistenza. Ancora una volta però è Tandie Newton ha focalizzare l'attenzione, nei panni della seducente quanto eroica Maeve, del tutto decisa nel trovare sua figlia, ricevendo un aiuto completamente inaspettato.

Questo primo episodio preannuncia da subito come la narrazione della seconda stagione sarà diversa dalla prima. Le vicende che seguiamo non sono infatti altro che un flashback, e a inizio e fine di questa lunga season premiere possiamo avere un assaggio dell'esito che la ribellione avrà. Potrebbe essere giudicata frammentaria la sceneggiatura dell'episodio, il cui intento è quello di dare uno start al cammino di ogni protagonista, se Dolores, interpretata dalla splendida Evan Rachel Wood, è ormai evidentemente il capo, amazzone, dei ribelli, Maeve è alla ricerca della figlia; ma ogni personaggio, sia buono sia cattivo, è accumunato dal desiderio di arrivare a uno scopo per dare un senso alla propria esistenza. Molto più che nella prima stagione, gli autori di Westworld vogliono sviscerare maggiormente i suoi personaggi, e le meccaniche stesse delle attrazioni e del parco a tema. Numerosissimi gli interrogativi sollevati, e molteplici i ritorni attesi: ma quale sarà la strada che batterà questa seconda stagione?

Se il suo primo episodio vi ha dato la sensazione di un infinito trailer, condito da numerose frasi ad effetto e l'ausilio di effetti speciali a budget sempre più elevato, che giustificano probabilmente la lunga attesa, non siete nell'errore. Eppure sfiderei chiunque a trovare la differenza tra Westworld e un qualunque prodotto cinematografico da major; HBO può, spiacente Netflix. Journey Into Night è l'inizio di un nuovo allettante viaggio che porta in meandri ancora più oscuri della natura umana, paradossale dirlo, declamata da esseri inumani.

VOTO: 7/10

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...