25.10.19

Oscar 2020: ecco perché 'Parasite' di Bong Joon-ho potrebbe seguire la stessa rotta di 'Roma' di Cuaròn

Di Simone Fabriziani

Se c'è un film non in lingua inglese che potrebbe bissare la traiettoria di successo dello scorso anni dell'acclamatissimo Roma di Alfonso Cuaròn, quello potrebbe essere quest'anno Parasite , scritto e diretto dal regista sud-coreano Bong Joon-ho.
Il film asiatico ha molte cose in comune con la pellicola di Alfonso Cuarò: ovviamente, è in lingua non inglese, non è europeo, ed ha vinto il premio maggiore di un importantissimo festival di prestigio internazionale: per Roma era il Leone d'Oro alla Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia, per Parasite parliamo della Palma d'Oro all'ultimo Festival di Cannes.

Parasite di Bong Joon-ho è attualmente, il film non in lingua inglese con il più alto punteggio su Metacritic del 2019 (con un metascore di 95/100) e un punteggio su Rotten Tomatoes di 95 per la critica Usa. Numeri da capogiro che potrebbero tramutarsi in molte candidature all'Oscar e premi internazionali a fine anno. Non è dunque impossibile immaginare Parasite candidato dall'Academy in categorie come miglior film straniero, miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura originale, e chissà come andrà nel comparto tecnico.

Parasite arriverà finalmente nelle sale italiane a partire dal 7 novembre:

Tutta la famiglia di Ki-taek è senza lavoro. Ki-taek è particolarmente interessata allo stile di vita della ricchissima famiglia Park. Un giorno, suo figlio riesce a farsi assumere dai Park e le due famiglie si ritrovano così intrecciate da una serie di eventi incontrollabili.