‘Beautiful Boy’, il film con Timothée Chalamet e Steve Carell non convince il TIFF

Seguici anche su:
Pin Share

Di Simone Fabriziani

Il primo film in lingua inglese di Felix Van Groeningen è stato presentato alla stampa nordamericana in occasione del Toronto International Film Festival, ma non ha convinto come avrebbe dovuto; il dramma con protagonisti i candidati all’Oscar Steve Carell e Timothée Chalamet divide la critica.

Descritto come un dramma sulla dipendenza da droga piuttosto convenzionale, Beautiful Boy è ispirato alla storia vera della coppia padre-figlio David e Nic Sheff, e di conseguenza sulle loro autobiografie dedicate al delicato periodo della loro vita.
Lungometraggio che non andrà molto lontano in orizzonte Oscar, è retto tuttavia dalle performance maschili di Carell e Chalamet, possibili nomi che rivedremo nelle nomination di fine anno.

“Qualcuno può spiegarmi cosa è successo al mio bellissimo figlio? Cosa ho fatto di sbagliato?”: queste sono le strazianti domande che David Shelf si pone quando si sveglia ogni giorno. Suo figlio Nic ha appena 18 anni ed è dipendente dal crystal meth. Con il suo problema, Nic non mette in pericolo solo il suo futuro ma anche quello di tutta la sua famiglia. David dovrà resistere a tutto pur di salvare suo figlio.
#BeautifulBoy feels abstract, staccato, a bit foggy…but when it grabs you, it breaks your heart. This is mostly because of first rate performances by Timothée Chalamet & Steve Carell. I’m a mess. (ps: I feel like giving Carell a big hug.) #TIFF18

— Tomris Laffly (@TomiLaffly) 8 settembre 2018

I was skeptical for the first 60% of BEAUTIFUL BOY, but boy when it works, it really works. Timothée Chalamet sure has a way of tearing your heart out. #TIFF18

— Jason Carlos (@jaarlos) 8 settembre 2018

BEAUTIFUL BOY is not what I expected. It’s a sobering, straightforward portrait of addiction rather than a melodrama. Still collecting my thoughts but yeah Timothee is great. #TIFF18

— Esther Zuckerman (@ezwrites) 8 settembre 2018

#BeautifulBoy is a moving and quite poetic look at a fractured family fighting addiction. The wins, the losses, the sacrifices, the everything. Will be a tough but therapeutic watch for parents in similar situations. Carell and Chalamet are both great pic.twitter.com/TH04MB7s5T

— Erik Davis (@ErikDavis) 8 settembre 2018

Coming from someone who loves a recovering addict, and having read Nic & David Sheff’s books, BEAUTIFUL BOY just feels way too clean. Yes, Timothee Chamalet is fantastic & Steve Carrell is great but it plays too safe & avoids the real connection/impact from the books. #TIFF18

— Yolanda Machado (@SassyMamainLA) 8 settembre 2018

Cried throughout Beautiful Boy and now tearing up at the Q&A. It’s chill. #TIFF18

— Louis Peitzman (@LouisPeitzman) 8 settembre 2018

Beautiful Boy plays like a fluid montage of snapshots and sense memories about living with and struggling to understand addiction. appreciate the abstract style but just couldn’t connect to it #Tiff18

— e. oliver whitney (@cinemabite) 8 settembre 2018


Pubblicato

in

da