Ben Wheatley fronteggerà Hitchcock con il remake di ‘Rebecca – La prima moglie’ per Netflix

Seguici anche su:
Pin Share

Di Gabriele La Spina

Il prolifico regista inglese, che abbiamo visto di recente nelle sale alla regia di Free Fire, un gangster movie in stile anni ’70, e che sarà al Torino Film Festival con Happy New Year, Colin Burstead., prevedendo poi un rilascio nel 2019; prepara già il suo prossimo progetto. Rebecca, il nuovo film di Ben Wheatley vedrà come protagonisti Armie Hammer, a cui aveva già ritagliato un divertente ruolo in Free Fire, e Lily James.

Il film, che sarà prodotto e distribuito da Netflix, sarà l’adattamento del romanzo di Daphne du Maurier, un thriller, romantico, gotico; e si baserà su una sceneggiatura di Jane Goldman, penna della saga di Kingsman e di X-Men: First Class. Seguirà le vicende del ricco Maxim De Winter, che conosce in Costa Azzurra una bella e ingenua fanciulla, e la sposa. Lei è felicissima, ma quando arriva nella magione del consorte si accorge che tutti sono ancora ossessionati dalla sua prima moglie, Rebecca. In particolare la governante alimenta il ricordo della signora, che un giorno rispunta tra le onde del mare. Morta. De Winter è accusato così di omicidio.
Se la trama, nonché il titolo, non vi suonasse ancora familiare; si tratta di un adattamento moderno del classico di du Maurier, già trasposto per il grande schermo da Alfred Hitchcock. Il suo Rebecca – La prima moglie arrivò nelle sale americane nel 1940, e da allora non solo è divenuto una delle pellicole più amate del regista del brivido dopo Psycho, ma un classico cinematografico, non più letterario, senza tempo. Il talentuoso regista inglese, Wheatley, potrebbe essere definito per sommi capi come una sorta di moderno e più rude Hitchcock; basti pensare ai punti più alti della sua carriera, come il cult Kill List, che dava nuova luce alla tematica delle sette. Rebecca – La prima moglie è di fatto il film più riconosciuto della filmografia di Hitchcock, in quanto unico dei suoi film a vincere l’Oscar.

Fonte: Deadline


Pubblicato

in

da