Megalopolis

Megalopolis, ecco le prime reaction al film di Francis Ford Coppola

Seguici anche su:
Pin Share
Megalopolis
La title card ufficiale del film – fonte: American Zoetrope

Uno dei film più attesi del 2024 è stato finalmente mostrato (in occasione di un evento privato) ad amici, parenti, critici selezionati e membri dell’industria hollywoodiana. Stiamo parlando di Megalopolis, passion project scritto e diretto dal cinque volte premio Oscar e leggendario Francis Ford Coppola.

Un progetto cinematografico giudicato “impossibile” dagli studios di Hollywood, che per ben 40 anni hanno rifiutato a Coppola il budget previsto per realizzare questo sci-fi sulla carta rivoluzionario. Come racconta World of Reel, Megalopolis è stato però finalmente mostrato ad alcune delle personalità più influenti dell’industria cinematografica di Los Angeles, con la speranza di trovare presto un distributore. Le prime reaction al film con Adam Driver, Nathalie Emmanuel, Aubrey Plaza e Jon Voight sono assolutamente “imprevedibili”:

Concept art del film Megalopolis – fonte: American Zoetrope

Dopo aver visto “Megalopolis” possiamo confermare che non c’è mai stato, né ci sarà mai, un regista pazzo come Francis Ford Coppola. Che privilegio vivere sul suo stesso pianeta!

Il nuovo film di Coppola è pieno di idee che fondono il passato con il futuro, con una favola epica e visiva perfetta su uno schermo IMAX. Copre temi complessi in due ore e 13 minuti straordinariamente brevi, esclusi i crediti.

Molti occhi spalancati e teste che scuotenti fuori dal cinema. “Non ci sono prospettive commerciali e questo è un bene per lui. […] Un film pazzesco ma commercialmente molto difficile da vendere.

Di seguito la prima sinossi di Megalopolis: A New York , una donna di nome Julia Cicero, è divisa tra la lealtà verso suo padre, Frank, che ha una visione classica della società, e il suo amato architetto, Caesar, che è più progressista e pronto per il futuro. Caesar vuole ricostruire New York City come un’a città utopica a seguito di un disastro devastante.


Pubblicato

in

da