National Society of Film Critics, ‘The Rider’ è il miglior film, Olivia Colman miglior attrice

Seguici anche su:
Pin Share

Di Simone Fabriziani

La National Society of Film Critics ha annunciato i propri vincitori per l’anno cinematografico 2018, rimanendo tradizionalmente legata alla propria natura di associazione insulare nelle proprie scelte finali rispetto alla critica regionale statunitense.

A vincere a sorpresa il premio per il miglior film è il western The Rider di Chloe Zhao, già incoronato ai Gotham Awards dello scorso mese, ma è Roma di Alfonso Cuaròn a vincere il maggior numero di premi (film straniero, regia e fotografia).Miglior attore è Ethan Hawke per First Reformed – La creazione a rischio, mentre come miglior attrice è stata designata Olivia Colman in La favorita.
Di seguito la lista completa dei vincitori con i secondi e terzi classificati:
Best Film non in the English Language
“Roma”, Runners-Up: “Cold War,” “Burning,” “Shoplifters”
Best Director
Alfonso Cuarón (“Roma”), Runners-Up: Lee Chang-Dong (“Burning”), Chloé Zhao (“The Rider”)
Best Picture
“The Rider”, Runners-Up: “Roma,” “Burning”
Best Actress
Olivia Colman (“The Favourite”), Runners-Up: Regina Hall (“Support the Girls”), Melissa McCarthy (“Can You Ever Forgive Me?”
Best Supporting Actress
Regina King (“If Beale Street Could Talk”), Runners-Up: Elizabeth Debicki (“Widows”), Emma Stone (“The Favourite”)
Best Actor
Ethan Hawke (“First Reformed”), Runners-Up: Willem Dafoe (“At Eternity’s Gate”), Ben Foster (“Leave No Trace”), John C. Reilly (“The Sisters Brothers” and “Stan & Ollie”)
Best Supporting Actor
Steven Yeun (“Burning”), Runners-Up: Richard E. Grant (“Can You Ever Forgive Me?”), Brian Tyree Henry (“If Beale Street Could Talk,” “Widows,” “Spider-Man: Into the Spider-Verse”)
Best Cinematography
Alfonso Cuarón (“Roma”), Runners-Up: James Laxton (“If Beale Street Could Talk”), Lukasz Zal (“Cold War”)
Best Screenplay
Armando Iannucci, David Schneider and Ian Martin (“The Death of Stalin”), Runners-Up: Nicole Holofcener and Jeff Whitty (“Can You Ever Forgive Me?”), Deborah Davis and Tony McNamara (“The Favourite”)
Fonte: IndieWire