Una famiglia vincente – King Richard – La recensione del film con Will Smith premiato ai Golden Globe

Seguici anche su:
Pin Share

Di Dario Ghezzi

Richard Williams e la sua famiglia composta da cinque figlie e dalla moglie Oracene vive in un sobborgo povero e malfamato di Los Angeles. L’uomo ha una sola missione: impedire che le figlie finiscano sulla strada e che possano abbandonarsi alla droga come accaduto ad altre giovani abitanti del quartiere. Richard, così, decide di puntare molto sulle due figlie Venus e Serena, spingendole a diventare delle campionesse di tennis. Dopo i primi allenamenti nel sobborgo di Compton, le due sorelle iniziano a puntare sempre più in alto fino al momento in cui per loro, e soprattutto per Venus, iniziano ad aprirsi le porte dei grandi tornei.


Una famiglia vincente- King Richard di Reinaldo Marcus Green e che sarà nelle sale italiane dal 13 gennaio si prepara a fare incetta di premi ed ha iniziato, rispettivamente con la vittoria dell’interprete principale Will Smith (Richard Williams) ai Golden Globes. Quello che funziona nel film di Green è senza dubbio la buonissima e intensa interpretazione di Will Smith che delinea il ritratto di un padre deciso a offrire alle sue figlie delle opportunità di un futuro migliore, lottando e compiendo sacrifici senza però mai perdere di vista il valore della famiglia. Non è un caso che il titolo americano della pellicola si concentri su questo personaggio, il vero e proprio epicentro della narrazione, seppur il film è di fatto una biografia delle due più forti tenniste del mondo, Venus e Serena Williams. Tutto viene visto e raccontato focalizzandosi sul capofamiglia in un incidere della storia che non presenta segni di sbavature.

Il film, infatti, assolve al suo compito, raccontandoci il percorso formativo delle due sorelle, in quello che prende le sembianze di un vero e proprio sogno americano misto a un romanzo di formazione. Trattandosi di due giocatrici di colore, la pellicola si concentra ovviamente anche su come significasse essere afroamericani negli anni ’90 e soprattutto in alcuni contesti come quello sportivo. Una famiglia vincente-King Richard è un buon film che scorre senza troppi intoppi, seppur rischiando di arenarsi nella parte centrale poco prima di quello che, sulla trama, sarà una sorta di “grande salto” per le due protagoniste. Reinaldo Marcus Green assolve il suo compito e confeziona un biopic apprezzabile che, forse, sarebbe stato più interessante se si fosse concesso qualche licenza in più, anche nella modalità narrativa e nella messa in scena. Invece, come si evince dai titoli di coda, alcune scene sono ricalcate addirittura fedelmente da registrazioni di repertorio appartenenti alla famiglia Williams.


Da segnalare, oltre alle performance degli adulti, anche le ottime interpretazioni delle attrici bambine: Demi Singleton e Saniyya Sidney.
Da giovedì 13 gennaio nelle sale italiane con Warner Bros. Pictures

VOTO: ★★★½


Pubblicato

in

,

da