17 aprile 2016

DAVID DI DONATELLO 2016: Chi Vincerà?


Di Simone Fabriziani

Manca soltanto un giorno alla Cerimonia di Premiazione dei David di Donatello 2016, quest'anno totalmente rinnovata e allineata ad un format televisivo più vicino alle grandi produzioni europee ed oltreoceano; grazie all'acquisizione dei diritti di sfruttamento dell'immagine e di cura della messa in onda cosi come del marketing, Sky Cinema per la prima volta trasmetterà in diretta dagli Studios De Paolis di Roma il Red Carpet e la Cerimonia del più prestigioso riconoscimento del Cinema Italiano, quest'anno giunto al suo sessantesimo compleanno. 
Da sempre poco rilevanti per l'attenzione culturale e mediatica italiana, i David di Donatello sono comunemente associati ad una manifestazione cinematografica poco interessante per il pubblico generalista; vuoi per le passate edizioni monopolizzate dalla RAI in cui il format televisivo non rendeva minimamente giustizia alle pellicole e agli interpreti candidati, vuoi per una generale sfiducia e tentennante interesse per le produzioni italiane del grande schermo. L
Lo sforzo di acquisizione della piattaforma satellitare SKY quest'anno forse facilità il passaggio (fin troppo tardivo) ad una messa in scena dell'evento degna dell'attenzione mediatica che merita, a partire dalle piattaforme televisive in cui potrà essere seguita IN DIRETTA.

Dove e Come Seguire la Cerimonia di Premiazione dei David di Donatello 2016:

Il Red Carpet inizierà alle 20.30 circa, con una messa in onda dell'evento alle 20.50; alle 21.10 circa inizierà invece la Cerimonia di Premiazione.



I Nostri Pronostici

Nonostante la presenza dei due colossi internazionali nelle candidature come Youth di Paolo Sorrentino e Il Racconto dei Racconti di Matteo Garrone (entrambi presenti In Competizione lo scorso anno al Festival di Cannes), prevediamo il trionfo ancora una volta del grande cinema d'impegno sociale e dalle grandi tematiche; le statuette principali dovrebbero giocarsela due titoli: Non Essere Cattivo e Fuocoammare, mentre nei comparti tecnici dovrebbero farla da padrone i film di Garrone e il caso cinematografico italiano dell'anno: Lo Chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti, che fa il pieno di candidature (ben 16) ma non per quelle di Film e Regia; al palo il solito Sorrentino dopo la scorpacciata di David vinti in precedenza dai suoi film passati (ben 20 David in totale):

Miglior Film

Fuocoammare

Miglior Regia

Claudio Caligari "Non Essere Cattivo"

Miglior Attore Protagonista

Luca Marinelli "Non Essere Cattivo"

Miglior Attrice Protagonista

Valeria Golino "Per Amor Vostro"

Miglior Attore Non Protagonista

Alessandro Borghi "Suburra"

Miglior Attrice Non Protagonista

Claudia Cardinale "Ultima Fermata"

Miglior Produttore

Non Essere Cattivo

Miglior Sceneggiatura

Perfetti Sconosciuti

Miglior Fotografia

Youth- La Giovinezza

Miglior Scenografia

Il Racconto dei Racconti

Migliori Costumi

Il Racconto dei Racconti

Miglior Montaggio

Non Essere Cattivo

Miglior Trucco

Il Racconto dei Racconti

Miglior Acconciatura

Il Racconto dei Racconti

Miglior Colonna Sonora

Lo Chiamavano Jeeg Robot

Miglior Canzone Originale

"La Prima Repubblica" Quo Vado?

Miglior Suono

Lo Chiamavano Jeeg Robot

Migliori Effetti Speciali

Il Racconto dei Racconti

Miglior Regista Esordiente

Gabriele Mainetti "Lo Chiamavano Jeeg Robot"

Miglior Film dell'Unione Europea

Il Figlio di Saul

Miglior Film Straniero

Il Caso Spotlight

David Giovani

Non Essere Cattivo




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...