29 agosto 2017

Venezia 74: Nuove immagini da 'Madre!' e lo stato di Darren Aronofsky sul film

Di Gabriele La Spina

Tutto è ormai pronto per il Festival di Venezia, è Madre! di Darren Aronfsky è indubbiamente il film più atteso della selezione. La frenesia prima dell'apertura, che sarà affidata a Downsizing di Alexander Payne, si fa già sentire, e il regista dell'atteso horror introduce il film in uno stato ufficiale, dove racconta la sua fonte di ispirazione e in che modo sia legato all'attualità. Un film indefinibile dallo stesso Aronofsky che lo declama come il suo progetto dalla produzione più immediata, ma anche il più viscerale.
È un momento folle per vivere. Dato che la popolazione mondiale si avvicina agli 8 miliardi, ci troviamo di fronte a questioni troppo gravi da capire: gli ecosistemi crollano, mentre ci estinguiamo ad un tasso senza precedenti; Le crisi dei migranti distruggono i governi; Gli USA sono apparentemente schizofrenici, contribuiscono a distruggere un trattato climatico importante; Antiche controversie tribali e credenze continuano a guidare la guerra e la divisione; L'iceberg più grande mai avvistato rompe un ripiano di ghiaccio antartico e scende verso il mare. Allo stesso tempo affrontiamo problemi troppo ridicoli da comprendere: in Sud America i turisti uccidono i cuccioli di delfino soffocandoli in una frenesia di selfie; La politica assomiglia agli eventi sportivi; Le persone ancora aspettano di morire di fame mentre altri possono ordinare qualsiasi tipo carne che desiderano. Come specie la nostra impronta è pericolosamente insostenibile, tuttavia viviamo in uno stato di negazione sulle prospettive del nostro pianeta e sul nostro posto in esso. Da questa zuppa primordiale di angoscia e impotenza, mi sono svegliato una mattina e questo film mi ha travolto come un sogno febbrile. Tutti i miei film precedenti hanno richiesto molti anni di preparazione, ma ho scritto il primo progetto di Madre! in 5 giorni. In un anno stavamo laminando le telecamere. E ora due anni dopo, è un onore tornare al Lido per presentarlo per la prima volta in tutto il mondo. Immagino che le persone potrebbero chiedere perché il film ha una visione così oscura. Hubert Selby Jr., l'autore di Requiem for a dream, mi ha insegnato che attraverso la fissazione per le parti più oscure di noi stessi troviamo la luce. Madre! inizia come una storia in una camera matrimoniale. Si incentra su una donna a cui viene chiesto di dare e dare e dare fino a quando non può dare niente di più. Alla fine, la storia non può più contenere la pressione che bolle dentro. Diventa qualcosa di diverso che è difficile da spiegare o descrivere. Non riesco a capire completamente da dove provenga questo film. In parte dai titoli che ci troviamo ad affrontare ogni secondo di ogni giorno, in parte proviene dall'infinito ronzio delle notifiche sui nostri smartphone, in parte proviene dal modo di vivere dopo il blackout dell'uragano Sandy nel centro di Manhattan, in parte viene dal mio cuore, in parte dal mio intestino. È una ricetta che non sarò mai in grado di riprodurre, ma so che è meglio servito in una singola dose di un bicchierino. Buttala indietro. Salute! 
Un poeta (Javier Bardem) e la sua giovane moglie (Jennifer Lawrence) vivono da soli in una grande casa vittoriana del paese. Un giorno, uno strano uomo (Ed Harris) e poco dopo sua moglie (Michelle Pfeiffer) si trovano davanti alla loro porta, il poeta li invita con entusiasmo a entrare nella loro casa. Ma quando i figli della coppia (Domhnall & Brian Gleeson) arrivano a sorpresa, la tensione in casa cresce, portando a un tragico evento. Ispirandosi a l'incidente accaduto quel giorno, il poeta scrive un libro che non solo lo porta alla vittoria di un prestigioso premio, ma gli conferisce grande fama rendendolo oggetto di culto. Sua moglie, adesso incinta, si confronterà con schiere di fan spesso aggressivi, che si riveleranno una minaccia imprevedibile. Madre! arriverà nelle sale italiane il 28 settembre, ma verrà presentato ancor prima il 5 settembre a Venezia 74. 




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...