Visualizzazione post con etichetta Recensioni Film. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Recensioni Film. Mostra tutti i post

21.1.19

Creed II - La recensione del sequel con Michael B. Jordan e Sylvester Stallone

Di Simone Fabriziani

La vita di Adonis Creed è diventata un equilibrio tra gli impegni personali e l'allenamento per il suo prossimo grande combattimento: la sfida della sua vita. Affrontare un avversario legato al passato della sua famiglia, non fa altro che rendere più intenso il suo imminente incontro sul ring. Rocky Balboa è sempre al suo fianco e, insieme, si preparano ad affrontare un passato condiviso, chiedendosi per cosa valga la pena combattere per poi scoprire che nulla è più importante della famiglia. Da giovedì 24 gennaio al cinema arriva Creed II, sequel della saga collaterale iniziata nel 2015 con il fortunatissimo film di Ryan Coogler.

14.1.19

Glass - La recensione del capitolo conclusivo della trilogia di M. Night Shyamalan

Di Simone Fabriziani

David Dunn è divenuto un vigilante che protegge Philadelphia dai criminali. Figura controversa, è ricercato dalla polizia e il suo successo dipende dall'essere un eroe anonimo e sempre un passo avanti alla legge. Crumb, invece, con le sue sinistre personalità ha rapito quattro altre adolescenti da sacrificare alla Bestia. Poiché le autorità non riescono a rintracciarlo, Dunn si ripromette di trovarlo per primo. Come risultato, entrambi finiscono in un centro di ricerca psichiatrica, dove si ritrovano al cospetto di Elijah Price, ridotto l'ombra di ciò che era. Dal 17 gennaio si compie la trilogia ideata, scritta e diretta da M.Night Shyamalan con l'atteso Glass.

13.1.19

Io sono Mia - La recensione del biopic su Mia Martini con Serena Rossi

Di Massimo Vozza

A neanche un anno dalla miniserie Fabrizio De André - Principe libero, diretto da Luca Facchini e con protagonista Luca Marinelli, la produzione Rai Fiction e la distribuzione Nexo Digital tentano una similare operazione con il film tv Io sono Mia, basato sulla vita di Mia Martini interpretata da una onnipresente Serena Rossi che qui mette in campo più che le sue capacità recitative, quelle di cantante e di imitatrice, in linea più con il programma Tale e quale show (da cui è uscita vincitrice nel 2014) che con una produzione che aspirava alla sala cinematografica, seppur per un periodo limitato.

12.1.19

Maria Regina di Scozia - La recensione del biopic con Saoirse Ronan e Margot Robbie

Di Daniele Ambrosini

Nel 1561, all'età di 18 anni, Maria Stuarda fa ritorno in Scozia dopo 13 anni passati alla corte francese. Un matrimonio programmato quando era ancora una bambina l'ha portata a sposare il delfino di Francia, poi divenuto re Francesco II, che rimase sul trono per meno di un anno.

10.1.19

Una notte di 12 anni - La recensione del film uruguaiano presentato a Venezia

Di Daniele Ambrosini

Nel 1973 alcuni membri di un gruppo di ribelli, detti Tupamaros e facenti parte del Movimento di Liberazione Nazionale uruguaiano, vennero arrestati per la loro opposizione all'allora presidente del paese Juan Marìa Bordaberry, poi divenuto dittatore grazie ad un colpo di stato. Durante la dittatura militare, quando ormai l'opposizione era stata quasi completamente soppressa, nove di quei Tupamaros vennero prelevati dalle regolari prigioni e sottoposti ad una nuova tortura mirata ad abbattere la loro capacità di resistenza psicologica, o, in altre parole, condurli alla pazzia.

9.1.19

City of Lies - La recensione del film con Johnny Depp e Forest Whitaker


Di Anna Martignoni

L’ex detective Russell Poole ha dedicato gli sforzi di una vita nel ricercare l’assassino delle star del rap Tupac Shakur e Notorious B.I.G. senza ottenere successo. A vent’anni di distanza da quell’indagine, Poole viene contattato dal reporter Darius “Jack” Jackson, vincitore di un Peabody Award grazie ad un articolo su quella stessa inchiesta; i due apriranno nuovamente il caso, decisi a provare il coinvolgimento della polizia corrotta di Los Angeles. 

31.12.18

Aquaman - La recensione del cinecomic DC con Jason Momoa

Di Massimo Vozza

Un anno cinematografico si chiude e un altro immediatamente ricomincia. Tra i vari titoli di questo capodanno vi è il nuovo cinecomic targato DC, la quale continua la sua rincorsa alla Marvel. Se con il precedente e pasticciato Justice League si era intravisto un repentino cambio di toni rispetto ai primi capitoli, con Aquaman la direzione presa appare più chiara, studiata; chi scrive sperava però in una soluzione più simile a Wonder Woman, capace di bilanciare l’aspetto più leggero e votato all’intrattenimento a quello più cupo tipico del filone, mentre qui il primo aspetto è evidentemente primario.

29.12.18

Black Mirror: Bandersnatch - La recensione del primo film interattivo di Netflix

Di Pietro Lafiandra

C’è stato un breve periodo, all’inizio degli anni ’90, in cui nel panorama cinematografico si era accarezzata l’idea di rompere con la struttura su cui — al netto delle varie rivoluzioni che si sono succedute nel corso degli anni — la pratica spettatoriale si era costituita sin dalla prima proiezione pubblica dei Fratelli Lumière nel 1895: un pubblico passivo tra un proiettore e uno schermo.

22.12.18

Bird Box - La recensione del film diretto da Susanne Bier con Sandra Bullock

Di Gabriele La Spina

Una donna bendata su una barca a remi, insieme a due bambini senza nome, percorre un fiume quasi senza meta. Frase che potrebbe essere facilmente estrapolata da uno degli evocativi brani di Neil Young, eppure non si tratta della strofa di un cantante folk, bensì di uno dei due filoni narrativi di Bird Box; ultimo film di Susanne Bier, regista premio Oscar per In un mondo migliore, che non si dedicava a un lungometraggio dal 2014, dopo il melò Una folle passione.

21.12.18

Ralph spacca Internet: Ralph Spaccatutto 2 - La recensione del sequel firmato Disney

Di Simone Fabriziani

Insieme alla sua compagna di avventure Vanellope von Schweetz, Ralph rischia tutto viaggiando per il World Wide Web alla ricerca di un pezzo di ricambio necessario a salvare Sugar Rush, il videogioco di Vanellope. Finiti in una situazione fuori dalla loro portata, Ralph e Vanellope dovranno fare affidamento sui cittadini di Internet che li aiuteranno a navigare in rete nella giusta direzione.Arriva nelle sale italiane il prossimo 1 gennaio 2019 il sequel firmato Walt Disney Pictures Ralph spacca Internet: Ralph Spaccatutto 2.

19.12.18

Bumblebee - La recensione dello spinoff diretto da Travis Knight

Di Simone Agueci

Era il 2007, quando Michael Bay irrompeva nelle sale di tutto il mondo con il primo Transformers, presentando un prodotto visivamente accattivante e carismatico, facendo delle esplosioni, delle scene d'azione e della distruzione apocalittica il proprio marchio di fabbrica, trasferendolo via via in ogni film successivo della saga finendo tuttavia per stancare ed appesantire sempre di più il brand dei robot targati Hasbro, fino ad arrivare al flop di Transformers- L'ultimo cavaliere dello scorso anno segnando un cambio di direzione per i futuri film in programmazione.

Spider-Man: Un nuovo universo - La recensione del film d'animazione targato Marvel e Sony

Di Simone Fabriziani

Il film di animazione più sorprendente dell'anno è Spider-Man: Un nuovo universo, in arrivo nelle sale italiane a partire dal 25 dicembre con la distribuzione di Sony Pictures Italia, il titolo perfetto per portare nelle sale grandi e piccini, famiglie e fan della prima ed ultima ora nella divertente celebrazione del più famoso supereroe nato dal genio creativo del compianto Stan Lee.

17.12.18

Vice - L'uomo nell'ombra - La recensione in anteprima del nuovo film di Adam McKay

Di Giuseppe Fadda

Il biopic su Dick Cheney diretto da Adam McKay si apre con una didascalia che recita pressappoco queste parole: "Questa è una storia vera. Per quanto possa esserlo, considerando che Dick Cheney è riconosciuto come una delle persone più riservate della storia. Ma abbiamo fatto del nostro fottuto meglio". Questo sembra voler suggerire due cose: in primo luogo, che il regista ha deciso di optare per un registro volutamente irriverente, ipotesi che viene confermata fin dalle scene iniziali; in secondo luogo, è che il film si è preso la licenza di romanzare aspetti della vita privata di Cheney in virtù di una rappresentazione più accattivante. Ma questo, sorprendentemente, non è vero: il film ripercorre le tappe biografiche di Cheney senza neanche cercare di scalfire la superficie del personaggio che, fino alla fine, rimane poco approfondito.

Amici come prima - La recensione del ritorno della coppia Boldi e De Sica

Di Massimo Vozza

Dopo 23 film e 13 anni di separazione, la coppia composta da Massimo Boldi e Christian De Sica torna insieme con Amici come prima, il nuovo film di Natale senza il Natale; nonostante le aspettative, si tratta di un cinepanettone soltanto in potenza: attraverso un imperfetto gioco nostalgico, il duo prova a distaccarsi dal comune passato, lasciando spazio all’omaggio e guardando ad altro cinema, soprattutto statunitense (A qualcuno piace caldo, Tootsie e Mrs. Doubtfire), un tentativo di rinnovarsi che si dimostra vano e che porta a un risultato assai confuso.

14.12.18

Il ritorno di Mary Poppins - La recensione del sequel Disney con Emily Blunt e Meryl Streep

Di Simone Fabriziani

Nella Londra degli anni Trenta, Michael e Jane sono oramai cresciuti. Michael, i suoi tre figli e la loro governante Ellen, vivono a Cherry Tree Lane quando, dopo una dolorosa perdita personale, nella vita della famiglia Banks torna prepotentemente l'enigmatica tata Mary Poppins. Con l'aiuto dell'ottimista lampionaio Jack, Mary Poppins userà le sue abilità magiche per aiutare la famiglia a riscoprire la gioia e la felicità contando sulle sue stravaganti conoscenze. Dal 20 dicembre nelle sale italiane, arriva dopo 54 anni di distanza dal primo classico firmato Disney Il ritorno di Mary Poppins.

13.12.18

Macchine mortali - La recensione della saga fantasy di Christian Rivers prodotta da Peter Jackson

Di Dario Ghezzi

In sessanta minuti la terra come la conosciamo noi è stata distrutta. Da quel momento, il pianeta è diventato una landa desolata popolata da grandi città predatrici, delle metropoli giganti e meccaniche che si muovono divorando piccole città e sfruttando le loro risorse: solo chi è più veloce sopravvive. In questo scenario, nella nuova Londra, metropoli potentissima, una misteriosa giovane di nome Hester (Hera Hillmar), cerca di uccidere l’archeologo Valentine (Hugo Weaving) per vendicare l’uccisione della madre Pandora. A sventare l’attentato é Tom (Robert Sheehan) giovane col sogno di diventare aviatore e appassionato di storia, che sarà coinvolto in una storia inaspettata.

9.12.18

Destroyer - La recensione in anteprima del crime drama con Nicole Kidman

Di Giuseppe Fadda

Da quando è uscita la primissima immagine di Destroyer, l'ultimo film di Karyn Kusama, si è parlato moltissimo della trasformazione a cui si è sottoposta Nicole Kidman per interpretare il ruolo della protagonista, la detective Erin Bell. Ma soffermarsi sul make-up e sulla parrucca è francamente superficiale e non rende minimamente giustizia al suo straordinario lavoro: innanzitutto, perché non è la prima volta che la Kidman ha dimostrato la sua mancanza di vanità imbruttendosi per un ruolo (vedi The Hours); e poi perché l'imbruttimento non è che il punto di partenza per quella che è un'interpretazione straordinaria che andrebbe studiata nelle scuole di recitazione.

8.12.18

Un piccolo favore - La recensione della commedia thriller con Anna Kendrick e Blake Lively

Di Giuseppe Fadda

Il talento di Paul Feig per la commedia è innegabile e film come Le amiche della sposa e Spy lo dimostrano ampiamente. Persino i suoi film meno riusciti (come Ghostbusters) si possono definire, almeno in una certa misura, divertenti. Con il suo ultimo film, Un piccolo favore, tratto dall'omonimo romanzo di Darcey Bell, Feig ha tentato di espandere i suoi confini artistici arrivando ad affrontare un genere del tutto diverso: il thriller. Questo però senza rinunciare ai toni tipici della commedia a cui è tanto affezionato.

7.12.18

El Angel - La recensione in anteprima del film argentino presentato a Cannes

Di Giuseppe Fadda

Carlos Robledo Puch, serial killer argentino soprannominato "L'angelo della morte" o "L'angelo nero" per il suo bell'aspetto, sta scontando attualmente il suo 46esimo anno di detenzione: nessun uomo o donna ha mai passato così tanto tempo in carcere in Argentina. Condannato all'ergastolo nel 1973, Puch è colpevole di 11 omicidi, un tentato omicidio, 17 rapine, uno stupro, un tentato stupro, due abusi sessuali, due sottrazioni di minorenne e due furti. El Angel, thriller biografico diretto da Luis Ortega, non ripercorre in maniera del tutto fedele la sua storia che viene, in una certa misura, edulcorata.

5.12.18

Alpha - Un'amicizia forte come la vita - La recensione dell'atipico survivor movie preistorico

Di Daniele Ambrosini

Ambientato 20.000 anni fa, Alpha - Un'amicizia forte la vita racconta la storia di Keda, adolescente figlio del capo di una tribù che viene dato per morto dalla sua famiglia dopo essere stato coinvolto in un incidente durante la sua prima caccia al bisonte, un rituale annuale che garantisce la sopravvivenza della tribù. Solo e lontano da casa, Keda troverà un insolito alleato in un lupo abbandonato dal suo branco poiché ferito, e quindi debole. Nella lunga e tortuosa strada verso casa, tra Keda ed il lupo Alpha nascerà una bellissima amicizia che segnerà per sempre le sorti dell'umanità.